Home Psicologo Run&Smile e la Fenomenologia del Correre con il Sorriso.

Run&Smile e la Fenomenologia del Correre con il Sorriso.

Di Gino Daniele
Run&Smile Correre con il sorriso

Se sei arrivato a leggere questa pagina quasi sicuramente è perché sei una persona che ama correre e sei anche ben consapevole dei motivi che hanno acceso questo tuo amore viscerale per uno sport impegnativo, duro e totalizzante. Ma ti sei mai chiesto perché gli altri corrono? 

Proviamo a dare qualche risposta sul perché sempre più persone restano affascinate da questo meraviglioso ed impegnativo sport.

Sappiamo bene che sono stati eseguiti innumerevoli studi di laboratorio e ricerche motivazionali finalizzate a dare spiegazioni scientifiche a questo quesito. Ecco, in sintesi, alcune delle conclusioni più significative a cui sono giunti gli studiosi.

Alla base di tutto sembrerebbe esserci una diffusa consapevolezza sul fatto che fare sport, come correre, sia un fattore indispensabile per riuscire a mantenere una buona salute sia fisica che mentale. Pertanto, molti corrono con l’intento preciso di riuscire a conservare uno stato di salute ottimale, altri perché dopo aver superato problematiche mediche più o meno gravi hanno deciso di cambiare stile di vita, altri ancora, più banalmente, per tenere finalmente sotto controllo il proprio peso e concedersi qualche caloria in più.

C’è chi corre per vincere lo stress e le preoccupazioni quotidiane e poter così raggiungere un ideale equilibrio psicologico (di conseguenza anche fisico) e c’è chi lo fa per migliorare e consolidare la propria autostima.

Si corre per il desiderio di esprimere al meglio le capacità personali, per conoscere i propri limiti e provare a superarli affrontando sfide sempre più importanti ed eccitanti o partecipando a gare e cercare di migliorarsi.

Molti corrono per riuscire ad appagare l’innato bisogno psicologico di appartenenza (piramide di Maslow) e quindi con l’intento di stringere amicizie e relazioni significative e sentirsi parte attiva di una comunità/squadra sempre attenta e disponibile ad offrire sostegno e aiuto nei momenti di difficoltà.

Ed infine, ma non per ordine di importanza, c’è chi corre per tornare bambino e sentirsi felice come una volta oppure chi lo fa per stare del tempo da solo, con gli altri o per immergersi nella natura per apprezzarne pienamente i benefici.

In sostanza si può affermare che la corsa ha la specifica caratteristica di offrire risposte significative a molteplici motivazioni soggettive ma che hanno sempre in comune aspetti specifici come:

  • Migliorare lo stato di salute, conoscere e sviluppare positivamente le caratteristiche di personalità, le potenzialità innate e le naturali risorse della soggettività individuale.
  • Attuare nuove strategie comportamentali che favoriscano lo “stare meglio” dell’individuo, con una naturale ricaduta sulla sua soddisfazione e sulla realizzazione percepita.

In più, al di là di queste considerazioni, ciò che sembra rappresentare il vero valore psicologico della corsa è la sua considerevole capacità di riuscire a suscitare quelle straordinarie emozioni positive che favoriscono l’emergere di significative sensazioni di benessere profonde e durevoli.

È comunque decisamente sorprendente come uno sport fatto di impegno e sofferenza riesca a stimolare tante percezioni piacevoli e ricche di positività al punto da sollecitare adattamenti neurofisiologici naturalmente associabili sia al benessere psicologico e sia a migliori prestazioni cognitive e fisiche. Infatti è stato accertato che la corsa ha la capacità di stimolare lo stesso processo chimico che avviene nel cervello di coloro che sono di buon umore e ridono/sorridono (vedi le famose terapie del sorriso) e cioè: un  aumento delle endorfine (sostanze chimiche prodotte dal cervello, dette anche ormoni del piacere) e un aumento della Serotonina e della Dopamina (ormoni del buon umore, della gratificazione e del benessere) a discapito del Cortisolo (ormone dello stress) responsabile di numerose patologie croniche.

Ecco allora perché Run&Smile: perché la Corsa ed il Sorriso, oltre ad essere complementari, sono anche due attività decisamente rafforzative, una dell’altra, al punto da potenziarne gli effetti positivi.

E per tali motivi è nata la convinzione che la fusione di questi due elementi così forti e importanti potesse rappresentare con grande forza quel concetto di gioia e benessere che è, e sarà sempre, alla base della mission della nostra neonata ASD Run&Smile.

Gino Daniele (Psicologo Psicoterapeuta)

0 commento
0

Potrebbe piacerti anche

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Maggiori informazioni

X
X